Agenda 2030 and the International Environmental Awareness

Over the past thirty years, environmental protection has become an increasing need felt by the international community, which has gradually recognized the value of the international environmental law and the programmatic guidelines to follow.

https://www.iusinitinere.it/agenda-2030-and-the-international-environmental-awareness-27974


Introduzione

Negli ultimi trent’anni la tutela ambientale è diventata un’esigenza sempre più sentita dalla comunità internazionale, che ha progressivamente riconosciuto il valore del diritto ambientale internazionale e delle linee programmatiche da seguire.

A causa dell’inadeguatezza delle misure ambientali nazionali (misure a posteriori), si è sentita l’urgenza di definire una nuova politica ambientale a livello mondiale e una normativa giuridica ad essa ispirata. Ciò ha portato gli Stati a sottoscrivere convenzioni multilaterali, regionali, bilaterali e all’adozione di strumenti per la tutela dell’ambiente.

Sfondo storico

Dagli anni ’70, la protezione dell’ambiente è stata gradualmente presa in considerazione dalla comunità internazionale, fino ad essere considerata una questione globale. La Dichiarazione della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente umano (UNCHE) di Stoccolma nel 1972 ha sottolineato l’inizio di una consapevolezza internazionale e istituzionale dei problemi ambientali. Infatti, nella dichiarazione finale si legge che: “Siamo arrivati ​​a un punto nella storia in cui dobbiamo regolamentare le nostre azioni verso il mondo intero, tenendo conto prima di tutto delle loro ricadute sull’ambiente ”[1]. 

Da allora, la protezione e il miglioramento dell’ambiente sono diventati, nelle intenzioni delle Nazioni Unite, una priorità di fondamentale importanza, una condizione preliminare per il benessere dei popoli e il progresso del mondo intero. Una priorità che obbliga tutti ad assumersi le proprie responsabilità, dai cittadini alle comunità, dalle imprese alle istituzioni. 

Nel ventennio successivo, questa consapevolezza ha dato vita a numerosi studi e ricerche scientifiche sullo stato di salute del pianeta, anche in virtù dell’istituzione di organi qualii: l’UNEP (United Nations Environment Programme), che, insieme all’UNDP (United Nations Development Programme), FAO, UNESCO e IUCN (International Union for Conservation of Nature), costituisce uno dei più importanti riferimenti per lo sviluppo sostenibile a livello mondiale; la Brundtland Commission on Environment and Development, nota anche come WCED (World Commission on Environment and Development); l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change). 

A partire dagli anni ’80, si è passati dalle problematiche puramente legate alla tutela dell’ambiente alle ripercussioni sociali del tema, facendo emergere sempre di più le contraddizioni insite in un modello di sviluppo attento solo ai risvolti economici.

Per questo motivo dai primi anni ’90 si assiste ad un cambio di paradigma. Da un approccio all’ambiente avente una connotazione prevalentemente settoriale e riparatrice, si è passati ad un nuovo paradigma, basato sulla prevenzione e la riduzione degli eco-disastri. 

Durante la Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente e lo Sviluppo (UNCED), tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992, hanno preso forma soluzioni capaci di rispondere alla necessità di un nuovo approccio sensibile, creando strumenti per avviare un processo di sviluppo sostenibile, nella consapevolezza di la stretta interconnessione tra ambiente e sviluppo socio-economico. In altre parole, è apparso chiaro che, poiché l’ambiente è un problema globale, la sua protezione non poteva più essere perseguita a livello locale. Ecco perché il vertice di Rio ha rappresentato un punto di svolta: il dualismo sviluppo-ambiente è stato finalmente risolto con la formula dello sviluppo sostenibile, con la premessa di una cooperazione tra Nazioni per sostenere i Paesi in via di sviluppo e per raggiungere un maggiore equilibrio tra lo sfruttamento delle risorse naturali e la loro protezione.

Tuttavia, sebbene la Conferenza del 1992 abbia portato all’elaborazione di principi – tuttora – importanti, i risultati raggiunti non sono stati del tutto soddisfacenti, tali da necessitare implementazioni su cui si discute oggigiorno. Sicuramente possono essere qui ricordati traguardi importanti, come l’Agenda 21. Infatti, a Rio è stato ideato un programma d’azione ad ampio spettro per la realizzazione di una coesistenza equilibrata tra ambiente e sviluppo nel contesto della cooperazione internazionale generale. Inoltre, alcuni degli impegni stabiliti durante il vertice di Rio de Janeiro sono stati riportati nel Protocollo di Kyoto, che è il primo esempio di trattato globale legalmente vincolante nella storia. Il Protocollo di Kyoto rappresenta sicuramente un buon punto di partenza nel percorso verso il recupero di un ecosistema equilibrato perché, con la sua entrata in vigore, diventa legalmente vincolante per tutti.

In conclusione, il miglioramento delle misure ambientali è stato minimo negli ultimi anni del XX secolo, come emerso nel Vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile (WSSD), tenutosi a Johannesburg dal 26 agosto al 4 settembre 2002, con l’obiettivo – dichiarato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite – verificare le osservazioni e gli impegni presi a Rio dieci anni prima. Infatti, a dieci anni dal primo vertice di Rio, si è riscontrato che, nonostante la Conferenza abbia aperto la strada ad uno sviluppo compatibile con l’ambiente, tuttavia non ha prodotto risultati globali tangibili: l’equilibrio ecologico si è deteriorato, la povertà mondiale è aumentata e la necessità fondamentale di cambiare radicalmente i modelli di produzione e consumo – un concetto alla base del vertice di Rio – è stata quasi ignorata.

La Carta della Terra e l’Agenda 2030

La  Universal Declaration on Rights and Human Beings Towards the Natural Environment, nota anche come Carta della Terra, è stata proposta dalla Commissione mondiale delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo (UNWCED) nel Rapporto Brundtland del 1987 al fine di “consolidare ed estendere la pertinente principi “e” creare nuove regole necessarie per mantenere i mezzi di sussistenza e la vita sul pianeta che condividono e per guidare i problemi delle circostanze durante la transizione verso lo sviluppo sostenibile “. La Commissione ha anche raccomandato che la nuova carta sia “ampliata come aggiunte per diventare una convenzione, stabilendo i diritti sovrani e la responsabilità reciproca di tutte le nazioni in materia di protezione ambientale e sviluppo sostenibile” [2]. La Carta Mondiale per la Natura, adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1982, già affermava il rispetto della natura come principio fondamentale della tutela ambientale e conteneva una visione progressiva delle strategie e delle politiche necessarie per raggiungere il benessere ambientale. Tuttavia, i collegamenti tra degrado ambientale e problemi come la povertà e un equo sviluppo umano non sono stati sufficientemente studiati; inoltre, è stato elaborato prima della formulazione del concetto di sviluppo sostenibile.

L’appello per la stesura della Carta della Terra era stato accolto dalla Conferenza di Rio, durante la quale vari Governi hanno presentato le loro offerte e molte ONG, compresi gruppi rappresentativi delle principali fedi religiose. Tuttavia, gli strumenti per creare una Carta delle Nazioni Unite sono stati abbandonati perché il coordinamento di tutti i Paesi sembrava troppo difficile da raggiungere. Di conseguenza, l’unico documento valido prodotto è stata la Dichiarazione di Rio, un documento prezioso che, tuttavia, non contiene alcuna visione etica per una Carta della Terra.

Una nuova iniziativa è stata intrapresa dal 1994 dal Consiglio della Terra, creato nel 1992 per promuovere l’attuazione degli accordi del Vertice della Terra di Rio e per sostenere la formazione di consigli nazionali per lo sviluppo sostenibile. Sulla base di ampi studi nei campi del diritto internazionale, della scienza, della religione e dell’etica, è stato lanciato un nuovo progetto della Carta della Terra sotto la guida di Maurice Strong, segretario generale dell’UNCED, e Mikhail Gorbachev, presidente di Green Cross International. Al fine di trovare un dialogo globale e raccogliere un consenso generale sui principi di protezione ambientale e sviluppo sostenibile, Earth Council e Green Cross International hanno avviato consultazioni internazionali e, nel maggio 1995, in una conferenza internazionale ad Aja, hanno preparato e diffuso uno studio su oltre cinquanta principi di diritto internazionale dal titolo “Principi di protezione ambientale e sviluppo sostenibile: sintesi e valutazione“. All’inizio del 1997 è stata istituita la Commissione della Carta della Terra, i cui membri sono stati scelti per rappresentare le principali regioni del mondo, e ha formato un comitato di redazione internazionale sui principi etici per la conservazione dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile.

Da quando la Carta della Terra è stata completata nel 2000, Earth Charter International si è concentrata sul fatto che i governi rappresentati alle Nazioni Unite traducessero i principi in azione. Tuttavia, fino all’inizio del processo preparatorio (2011–2012) per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio + 20), i governi e molte ONG erano incapaci di riconoscere la necessità di un cambiamento fondamentale e trasformativo e l’interconnessione delle nostre sfide globali.

“Trasformare il nostro mondo, l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile” è stata adottata dai Capi di Stato il 25 settembre 2015, subito dopo il discorso di Papa Francesco all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Questa Agenda contiene 17 obiettivi di sviluppo sostenibile e 169 obiettivi per il raggiungimento di tali obiettivi [3]. L’Agenda 2030 e l’Accordo di Parigi sul clima adottati nel dicembre 2015 sono stati eventi spartiacque, con i governi del mondo che hanno concordato all’unanimità di adottare programmi e impegni per il cambiamento trasformativo che identificano molte azioni importanti che devono essere intraprese per estendere le opportunità necessarie e costruire capacità per tutti, e per proteggere e ripristinare la salute dei sistemi ecologici necessari per il nostro benessere. In particolare, potrebbe essere necessario analizzare i seguenti obiettivi:

SDG 13: “Con l’aumento delle emissioni di gas serra, il cambiamento climatico sta avvenendo a ritmi molto più rapidi del previsto ei suoi effetti si fanno sentire chiaramente in tutto il mondo. Sebbene vi siano passi positivi in ​​termini di flussi finanziari per il clima e sviluppo di contributi determinati a livello nazionale, sono necessari piani molto più ambiziosi e azioni accelerate in materia di mitigazione e adattamento. L’accesso ai finanziamenti e il rafforzamento delle capacità devono essere aumentati a un ritmo molto più rapido, in particolare per i paesi meno sviluppati e per i piccoli Stati insulari in via di sviluppo “.

SDG 14: “L’espansione delle aree protette per la biodiversità marina e le politiche e i trattati esistenti che incoraggiano l’uso responsabile delle risorse oceaniche sono ancora insufficienti per combattere gli effetti negativi della pesca eccessiva, della crescente acidificazione degli oceani dovuta ai cambiamenti climatici e del peggioramento dell’eutrofizzazione costiera. Poiché miliardi di persone dipendono dagli oceani per il loro sostentamento e la loro fonte di cibo e dalla natura transfrontaliera degli oceani, sono necessari maggiori sforzi e interventi per conservare e utilizzare in modo sostenibile le risorse oceaniche a tutti i livelli“.

SDG 15: “Ci sono alcune tendenze globali incoraggianti nella protezione degli ecosistemi terrestri e della biodiversità. La perdita di foreste sta rallentando, più aree chiave della biodiversità sono protette e più assistenza finanziaria scorre verso la protezione della biodiversità. Tuttavia, è improbabile che gli obiettivi 2020 dell’obiettivo di sviluppo sostenibile 15 vengano raggiunti, il degrado del suolo continua, la perdita di biodiversità si sta verificando a un ritmo allarmante e le specie invasive e il bracconaggio e il traffico illeciti di fauna selvatica continuano a ostacolare gli sforzi per proteggere e ripristinare ecosistemi vitali e specie “.

Conclusione

L’Agenda 2030 è un piano d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità. Gli SDG mirano a proteggere il pianeta dal degrado, anche attraverso il consumo e la produzione sostenibili, gestendo in modo sostenibile le sue risorse naturali e intraprendendo azioni urgenti sul cambiamento climatico, in modo che possa supportare i bisogni delle generazioni presenti e future.

Purtroppo mancano gli indicatori chiave per guidare e misurare il cambiamento trasformativo. Per questo motivo, diverse ONG, agenzie delle Nazioni Unite e centri internazionali di diritto ambientale stanno implementando ricerca e difesa legale, istruzione e formazione, con l’obiettivo di collegare le sfide globali alle esperienze delle comunità sul campo.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

La Riforma del consiglio di sicurezza e la posizione italiana

Next Article

L'Assemblea mondiale della sanità si concentrerà sulla fine della pandemia di COVID-19 e sulla preparazione per la prossima